PRIORITA’ DI DIAFRAMMA

Oltre al valore di luminosità massima riportato sull’obiettivo, la nostra fotocamera può operare con diversi altri valori crescenti.

Il diaframma può chiudersi per diminuire la luce che arriva al sensore.

L’apertura e la chiusura del diaframma sono un movimento automatico, realizzato dalla fotocamera nel momento in cui calcola l’esposizione corretta e va di pari passo con il calcolo del tempo di esposizione, anch’esso automatico.

I valori possibili, sono 1, 1.4, 2, 2.8, 4, 5.6, 8, 11, 16, 22, 32, 45, 64.

La gran parte delle fotocamere in commercio però non supera il 16 e, nel caso delle digitali per Non professionali si aggira sugli 8.

Ciò significa che gli obiettivi di queste fotocamere non possono restringere il diaframma più di quel valore ed offrono una gamma ridotta di valori possibili rispetto alle analogiche od alle reflex digitali, che montano obiettivi professionali.

In condizioni di sole splendente l’obiettivo non riuscirà a chiudersi a sufficienza per filtrare il bagliore esterno e la macchina dovrà ridurre il tempo di posa arrivando alla velocità di 1/4000 di secondo.

Visto che riesce a produrre un’esposizione corretta, perché dovremmo preoccuparci di conoscere dell’apertura del diaframma e i suoi astrusi valori?

Ecco perchè: anche se l’esposizione è corretta, il risultato sarà molto diverso a seconda che si scatti con un’apertura di f2.8 e un tempo di 1/250 di secondo o con un’apertura di f8 e un tempo di 1/30.

La quantità di luce che passa sarà esattamente la stessa e quindi l’esposizione sarà corretta in entrambi i casi ma la messa a fuoco degli oggetti non sarà la stessa.

Un obiettivo con apertura molto ampia andrà a limitare la messa a fuoco sul soggetto, sfocando lo sfondo mentre un obiettivo con diaframma chiuso mostrerà a fuoco anche gli oggetti più vicini e più lontani.

Questo “Fenomeno” si chiama Profondità di Campo.

Più è ampia, più avremo possibilità di vedere a fuoco tutti gli oggetti presenti nell’immagine, indipendentemente dalla loro distanza e dal punto un cui abbiamo centrato il fuoco della nostra ripresa.

Questa è la spiegazione in Breve di cosa sia la Modalità Priorità di Diaframma, consiglio nelle foto statiche dove non vi è un soggetto in movimento.

Al Prossimo Photoblog!

Una buona Luce!

-Franks Celex